Progetto inhouse per Nextasoft potrebbe ribaltare l’adv digitale

This Post Has Been Viewed 114 Times

Nextasoft Ltd è una startup operante nel settore dell’Information and Communication Technology che nasce nel 2014 a Londra da un’idea di Alberto Cervini, 28enne laureando in ingegneria elettronica e telecomunicazioni.

L’azienda si propone come partner tecnologico per l’implementazione di software nativi e multipiattaforma dal carattere innovativo, supportando giovani imprenditori nella realizzazione del loro modello di business e incentivando la formazione d’impresa sul territorio europeo a condizioni agevolate.

Negli ultimi due anni abbiamo assistito all’ascesa di startup che hanno riscritto la logica del viver comune e sono state fonte di ispirazione per molti imprenditori.

Siamo in pieno rinascimento digitale – afferma il CEO di Nextasoftnon esiste momento migliore per investire nel settore tecnologico e produrre innovazione con una previsione di crescita oltre il 21% entro il 2018. La concorrenza è spietata ma i progetti che abbiamo ricevuto finora hanno un immenso potenziale e Nextasoft dispone di straordinarie risorse per la realizzazione delle idee imprenditoriali più complesse e la pianificazione di efficaci strategie marketing, garantendo un prodotto completo e di successo.

A soli due mesi dal lancio, la giovane startup inglese ha raggiunto traguardi importanti attirando l’attenzione della Coventry University Enterprises che ha messo sul tavolo la possibilità di un piano di espansione in Italia e in Germania con uffici a costo zero ed opportunità di finanziamento, e stretto partnership con Microsoft ed IBM, quest’ultima ha concesso server dedicati, servizi ed infrastrutture per 12.000 euro.

L’interesse principale non è solo legato alle capacità del team ma a un progetto in incubazione presso Nextasoft legato all’adv digitale.

I dettagli del progetto non sono stati resi noti ma traspare un ribaltamento del concetto di advertising digitale e degli obiettivi ad esso collegati: visibilità e vendite, permettendo ad aziende ed imprenditori di aggirare un iter ad oggi obbligato e dai risultati incerti.

Si tratta quindi di una piattaforma che mira a convertire esigenze espresse ed inespresse dei consumatori, che fanno uso di qualunque dispositivo dotato di connessione ad internet, in vendite e contatti diretti da parte di commercianti ed aziende di qualsiasi settore senza dover investire capitali in media, professionisti e metodi pubblicitari tradizionali.

La piattaforma è fluida, autogestita, pensata per l’utente che non ha alcuna conoscenza di programmazione né di marketing e non richiede integrazione con altre soluzioni; è gratuita e ha un target sia globale che locale.

Il progetto è molto complesso e necessita di un grande investimento per il completamento del codice ed il lancio. Se gli accordi e le opportunità attualmente visibili si concretizzeranno potrebbe uscire in beta entro l’anno, appoggiandosi anche alle infrastrutture offerte da IBM.

Il team è attualmente aperto a contatti con incubatori e acceleratori, eventuali partner e futuri collaboratori con sede a Londra, Milano e in Germania.

Visto che il web non è nuovo a soluzioni che potenzialmente stravolgono le logiche, restiamo sintonizzati !

Fonte: intervista ad Alberto Cervini.

0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Be Startup è in ascolto :)

Aiutaci a crescere inviando news, feedback, segnalazioni di startup/supporter, richiesta di nuove funzionalità o supporto.

Sending

©2017 ❤ BeStartup.it tutti i diritti riservati. Lucia Montauti CF MNTLCU70T63C085T. Realizzato da BeOnLine.

Log in with your credentials

Forgot your details?